Cominciamo con un balzo indietro: quando avete scelto di diventare musicisti? Altrimenti che cosa vi sarebbe piaciuto fare?
Laura: L’idea che la musica diventasse il mio futuro ha iniziato a farsi strada già quando avevo 8-9 anni, nel momento in cui ho iniziato i primi concorsi e i primi confronti con maestri davvero competenti. Se non avessi seguito questa strada, avrei molto probabilmente studiato lettere e magari avrei realizzato un altro sogno, quello di fare la scrittrice.

Matteo
: in pratica non ho mai scelto, ho iniziato a studiare pianoforte intorno agli otto anni e da quel momento non ho più smesso. Durante gli studi liceali mi era nata una passione per l’astronomia che poi non ho mai coltivato; alcuni aspetti di questa materia scientifica però hanno sempre accompagnato gli studi musicali: per esempio i brani della tesi di laura in composizioni sono ispirati alle costellazioni.

Come si è formato il vostro duo? Quali sono le maggiori doti che riscontrate nell’altro?
Laura: Il duo è nato per caso: nel settembre 2010 avevo bisogno di un pianista accompagnatore per un concorso  e mi è stato fatto il nome di Matteo; da lì la collaborazione è proseguita nel corso degli anni ed… eccoci qua! Sin dai primissimi concerti insieme, nel lontano 2010, ho avvertito una fortissima intesa con Matteo. All’epoca avevo 15 anni e ricordo che le Sonate di Beethoven non mi andavano molto a genio, ma sono sicura che anche Matteo abbia contribuito a farmele capire in questi anni, dal momento che le abbiamo suonate insieme quasi tutte. In Matteo ho sempre ammirato la profonda conoscenza del repertorio (incluso quello sinfonico) e la capacità di individuare parallelismi tra i brani che studiamo e altre opere ad essi contemporanee. Inoltre ricordo perfettamente che durante le nostre tournée, mentre io in aereo mi diletto sempre con i miei immancabili romanzi, Matteo ha sempre a portata di mano qualche saggio musicale o un volume di storia della musica.

Matteo: di Laura mi ha sempre colpito l’estrema maturità musicale fin da giovanissima; mi è sempre sembrato di lavorare con una professionista formata, anche se aveva solo 15 anni all’epoca delle prime prove! Nel corso degli anni ho apprezzato anche l’estrema facilità e disponibilità nel confrontarsi riguardo ad un determinato repertorio in fase di studio.

Voi siete anche apprezzati solisti: che cosa vi regala in più (o di diverso) l’esperienza cameristica?
L’esperienza cameristica permette di esplorare un repertorio molto più vasto rispetto a quello solistico, senza contare il legame anche umano che si può instaurare dopo anni di lavoro insieme.

Tra i brani che presentate ad Alba ce n’è uno a cui vi sentite maggiormente affezionati? Perché?
Ci sentiamo molto legati alla Sonata di Ravel perché, oltre al fatto di averla eseguita veramente innumerevoli volte, è quella che più permette di spaziare nei caratteri e nelle atmosfere sonore. Si può veramente trasmettere molto in soli venti minuti scarsi, dalle armonie minimalistiche ed eteree del primo tempo, ai ritmi “cool” e dal gusto “Foxtrot” del secondo, alla foga ossessiva e instancabile del terzo.

Qual è il momento più emozionante che ricordate nel vostro percorso musicale (singolarmente e insieme)?
Il momento più bello per il nostro duo è stato il concerto che abbiamo tenuto presso la Cappella Paolina del Quirinale nell’aprile 2017, ricordiamo ancora l’acustica spettacolare e l’emozione per la diretta radio!!

Laura: Ce ne sono stati tantissimi, il più recente è sicuramente l’aver suonato la Nona di Beethoven per la prima volta nella Orchestra sinfonica della Radio Bavarese diretta dal grande Haitink. È stata un’esperienza il cui ricordo ancora mi fa commuovere.

Matteo: la finale del concorso Zanfi-Liszt a Parma che mi ha permesso di eseguire la Totentanz di Liszt assieme all’Orchestra del Teatro Regio di Parma.

 

Intervista raccolta da Laura Brucalassi per l’Unione Musicale

Vai alla scheda concerto

Segui l’Unione Musicale sui Social Network:

Facebook: https://www.facebook.com/unionemusicale
Twitter: https://twitter.com/unionemusicale
Instagram: https://www.instagram.com/unionemusicale/
Youtube: http://www.youtube.com/unionemusicale