sabato 23 gennaio 2016

Teatro Vittoria, via Gramsci 4 – Torino

FESTIVAL MOZART – IL QUARTETTO D’ARCHI

Quartetto di Cremona

Cristiano Gualco, Paolo Andreoli, Simone Gramaglia, Giovanni Scaglione

ore 17 (recupero del concerto del 16 gennaio 2016)

Mozart

Quartetto in sol maggiore K. 80

Quartetto in re maggiore K. 155

Quartetto in sol maggiore K. 387

ore 20

Mozart

Quartetto in sol maggiore K. 156

Quartetto in do maggiore K. 157

Quartetto in do maggiore K. 465 (Le dissonanze)

Guida all’ascolto a cura di Antonio Valentino (ore 18.30)

Sabato 23 gennaio il Quartetto di Cremona inaugura al Teatro Vittoria il Festival Mozart dedicato al quartetto d’archi. Il concerto include anche il programma della data annullata del 16 gennaio e, di conseguenza, si svolgerà come una vera e propria maratona mozartiana: alle ore 17 il primo programma (quello del concerto mancato) che comprende i Quartetti K. 80, K. 155 e K. 387. Dopo la guida all’ascolto, nel consueto orario delle 18.30 tenuta da Antonio Valentino, e un aperitivo offerto al pubblico alle 19.30, il concerto prosegue alle ore 20 con il secondo programma e l’esecuzione dei Quartetti K. 156, K. 157 e Le dissonanze K. 465.

Il Quartetto di Cremona eseguirà l’integrale dei Quartetti mozartiani proseguendo con altri quattro appuntamenti nel corso di questa Stagione 2015-2016 e concludendo nell’autunno della prossima.

«Non è possibile interpretare Mozart senza accettare la presenza del giovane burlone, il gusto per la trovata geniale, per l’incastro ritmico più ingegnoso e per le vertiginose accelerazioni che solo un’energia verdissima può raggiungere. Il Quartetto di Cremona sceglie di presentare le prime composizioni giovanili accanto ai quartetti della maturità e di mostrare il limpido riflesso della spensieratezza che percorre, senza soluzione di continuità, tutta l’avventura creativa del genio di Salisburgo». (Alessio Tonietti da “Sistema Musica” gennaio 2016)

Il Quartetto di Cremona nasce nel 2000 presso l’Accademia «Walter Stauffer» di Cremona. Si perfeziona con Piero Farulli e con Hatto Beyerle affermandosi in breve come una delle realtà cameristiche più interessanti della scena nazionale e ben presto anche internazionale. Il Quartetto è ospite regolare nei principali festival e rassegne in Europa, Sudamerica, Australia e Stati Uniti: Beethovenhaus e Beethovenfest di Bonn, Bozar di Bruxelles, Konzerthaus di Berlino, Wigmore Hall di Londra, Perth Festival in Australia, Coliseum di Buenos Aires, Metropolitan Museum di New York.

Dal 2011 al 2014 in veste di “artist in residence” presso la Società del Quartetto di Milano ha eseguito l’integrale dei Quartetti di Beethoven, riscuotendo un successo tale da essere nuovamente invitato nel 2016 per eseguire il ciclo

completo dei Quartetti di Mozart (poi presentato anche a Torino e a Napoli). L’integrale di Beethoven è stata eseguita anche a Roma per la IUC e verrà proposta nell’estate 2016 anche al Festival di Norwich.

Numerose le collaborazioni con altri cameristi, tra i quali ricordiamo Antonio Meneses, Lawrence Dutton, Angela Hewitt e Andrea Lucchesini.

La stampa specializzata internazionale sottolinea le alte qualità artistiche e interpretative del Quartetto; emittenti radiotelevisive di tutto il mondo (RAI, WDR, BBC, VRT, SDR, ABC) trasmettono regolarmente i concerti del Quartetto in un repertorio che spazia dalle prime opere di Haydn alla musica contemporanea.

Dall’autunno 2011 il Cremona è titolare della cattedra di quartetto presso l’Accademia «Walter Stauffer».

Nel 2011 è uscita per Decca l’integrale dei Quartetti di Fabio Vacchi e nel 2012 il Cremona ha inciso un cd dedicato ai compositori italiani dal titolo Italian Journey. Termina nel 2016 la pubblicazione dell’integrale dei Quartetti di Beethoven per Audite: il primo volume ha ottenuto importanti riconoscimenti (5 stelle dal “BBC Music Magazine” e dallo “Strad”; nel giugno 2013 è stato nominato Disco Star del mese dal Fonoforum tedesco). Grande successo hanno ottenuto anche i volumi successivi, esaltati dalla critica internazionale che unanimemente considera il Quartetto di Cremona il vero erede del Quartetto Italiano.

Tra gli ultimi riconoscimenti ricevuti dal gruppo ricordiamo il Supersonic Award della rivista tedesca “Pizzicato” e la nomination all’International Musical Award 2015 per la musica da camera. Il Quartetto di Cremona è stato scelto come testimonial per il progetto Friends of Stradivari. Nel novembre 2015 ha ricevuto la cittadinanza onoraria della Città di Cremona.

È sostenuto dalla Fondazione Kulturfond Peter Eckes che ha affidato alla formazione quattro straordinari strumenti: violino Giovanni Battista Guadagnini Cremonensis (Torino, 1767) – violino Paolo Antonio Testore (Milano ca 1758) – viola Gioachino Torazzi (ca 1680) – violoncello Don Nicola Amati (Bologna, 1712).

Ulteriori informazioni: http://www.unionemusicale.it/concerti/quartetto-di-cremona-16012016/

poltrona numerata, euro 20

ingressi, euro 12 – ridotti (under 21), euro 5

Unione Musicale – Atelier Giovani

orario martedì e mercoledì 12.30-17 – giovedì e venerdì 10.30-14.30

tel. 011 566 98 11 – info@unionemusicale.itwww.unionemusicale.it

———————————————————————————————————————————————————————————————–

La stagione Atelier Giovani dell’Unione Musicale è sostenuta dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, dalla Regione Piemonte, dalla Città di Torino, dalla Compagnia di San Paolo e dalla Fondazione CRT.

———————————————————————————————————————————————————————————————–