Come è strutturato il nuovo percorso Musicaintasca?
Il percorso di Musicaintasca si basa su un approccio ludico alla musica. La strada del gioco, con suoni, voce e strumenti etnici, fisarmonica, didgeridoo, danze, per avvicinarsi, attraverso il divertimento, alla musica.

Quali sono gli obiettivi di questi laboratori?
L’obiettivo principale è quello di destare curiosità nei confronti di una cosa BELLISSIMA come il mondo dei suoni.

Secondo la tua esperienza umana e professionale, quale pensi che sia il ruolo della musica nella crescita di una persona?
La musica educa alla bellezza. La bellezza, quindi, educa ad essere persone belle.

Quali sono le opportunità per chi come voi si rivolge ad un pubblico di bambini? Quali i “rischi”?
L’opportunità è lo stupore. Il rischio è… darlo per scontato.

Qual è il tuo rapporto personale con la musica? Che cosa preferisci ascoltare/eseguire?
La musica per me è acqua e pane di cui si nutre l’anima ed è meravigliosa in ogni sua forma. Veramente un ogni sua forma (se è  ben suonata).

Quali brani musicali o quali compositori/cantautori ti piacevano particolarmente da bambina/o? E oggi?
Da bambino adoravo il jazz. E il primo amore non si scorda mai… nel mio caso, mi perseguita!

Intervista raccolta da Laura Brucalassi per l’Unione Musicale

Vai al calendario degli appuntamenti

Segui l’Unione Musicale sui Social Network:

Facebook: https://www.facebook.com/unionemusicale
Twitter: https://twitter.com/unionemusicale
Instagram: https://www.instagram.com/unionemusicale/
Youtube: http://www.youtube.com/unionemusicale