Le classifiche sono divertenti ma, anche quando presumono un minimo di oggettività, pericolose e suscettibili di revisione continua. Senza tema di smentita pero, si può affermare che Krystian Zimerman e attualmente uno dei maggiori pianisti in attività, quasi certamente tra i primi di qualsiasi graduatoria. Le caratteristiche che trovano d’accordo esperti e semplici appassionati sono certamente la tecnica e il suono, ma forse la qualità più evidente – anche dal punto di vista dell’immagine – e l’eleganza. La postura e il gesto misurato fanno di Zimerman uno di quei prototipi iconografici del “pianista”, tanto da poter accostare la sua figura a quella di Benedetti Michelangeli. Conterraneo di Chopin (e nato a Zabrze, nel 1956), Zimerman ha avuto una storia musicale molto simile a quella di tanti talenti del pianoforte: studio iniziato giovanissimo, concorsi (lo «Chopin» di Varsavia vinto a 18 anni, come Pollini), carriera da subito luminosa, collaborazioni di serie A (tra gli altri Karajan, Abbado, Giulini, Bernstein). Nonostante il suo repertorio sia vasto e includa anche molta musica contemporanea – con particolare riferimento ai compositori polacchi (Lutosławski scrisse per lui un concerto nel 1988) – il pianista e particolarmente noto e apprezzato per i classici autori che hanno scritto per pianoforte le pagine più celebri del repertorio mondiale: Beethoven, Chopin, Schumann, Debussy.
Schubert e al centro del programma del concerto per l’Unione Musicale insieme a una selezione di Preludi e Mazurche del compositore polacco Szymanovski. Zimerman e anche noto per il suo rigore, che allenta molto di rado. Rari sono i bis, talvolta il programma cambia senza un largo preavviso, intransigenza (e come dargli torto!) per telefonini, foto, chiacchiericci e tutto ciò che può disturbare la performance. Tuttavia Zimerman e tutt’altro che antipatico. Sorride sovente, ma e – come accennato – un pianista classico. In tutti i sensi. Non ama cioè lo star system odierno, e rimasto ancorato a valori che lo fanno somigliare più ai concertisti di diversi decenni fa: si fa vedere poco al di fuori di situazioni strettamente musicali, odia YouTube e centellina interviste, mantenendo il suo comportamento regale anche giù dal palco. (Articolo di Federico Capitoni)

Vai alla presentazione del concerto >> http://www.unionemusicale.it/concerti/kristyan-zimerman-11-04-2016/

Leggi il comunicato stampa >> http://www.unionemusicale.it/kristyan-zimerman-11-aprile-2016-comunicato-stampa/

{Originale su www.sistemamusica.it }