Qual è l’origine del programma che presentate a Torino?
Eseguiremo in concerto solo musica che Robert Schumann compose nell’anno 1842 (i Quartetti per archi op. 41 n. 1 e n. 2 e il Quartetto per archi e pianoforte op. 47). Per noi è interessante vedere l’evoluzione di questo compositore, non ancora divenuto famoso, alle prese con le prime pagine cameristiche frutto di un breve periodo di attività. Pian piano il compositore trova se stesso…

Come nasce la vostra collaborazione artistica?
Abbiamo ascoltato Beatrice Rana un paio di anni fa e abbiamo apprezzato la sua grande musicalità. È così giovane, ma quando è seduta al pianoforte si trasforma in un’interprete matura! L’abbiamo invitata al Festival di Evian [di cui il Quartetto Modigliani cura la direzione artistica ndr.] e abbiamo iniziato a suonare insieme. Ora siamo in tour con lei per il progetto “Schumann 1842”.

Qual è il vostro rapporto con i social media?
Il Quartetto Modigliani è su Facebook, Twitter e Instagram. Ci piace postare foto dei nostri viaggi ed è un modo per rimanere in contatto con i nostri fan!

 

Vai alla scheda concerto

Segui l’Unione Musicale sui Social Network:

Facebook: https://www.facebook.com/unionemusicale

Twitter: https://twitter.com/unionemusicale

Instagram: https://www.instagram.com/unionemusicale/

Youtubehttp://www.youtube.com/unionemusicale