Khatia e Gvantsa Buniatishvili

Musiche di Schubert, Gershwin, Ravel

Bella, determinata e audace, la ventisettenne Khatia Buniatishvili è una pianista di fama mondiale. Vanta collaborazioni con prestigiose istituzioni, dalla Wigmore Hall di Londra alla Carnegie Hall di New York, e suona regolarmente in tutto il mondo come solista, camerista e con le più importanti orchestre. Ha vinto premi internazionali tra i quali, nel 2012 un ECHO come "Esordiente dell’anno".
Nomade e libera, discreta ed elegante, Gvantsa Buniatishvili invece non ha alcun desiderio di girare il mondo e vivere con l'enorme stress imposto all'artista dal peso del successo.
Sul pianoforte del Conservatorio si incontreranno dunque temperamenti, vite e desideri diversi, ma lo stesso amore per la musica, trasmesso alle due sorelle dalla madre fin dall’infanzia, da quando cioè suonare a quattro mani è una delle attività preferite da Khatia e Gvantsa.
Saranno le nuove sorelle Labèque?

Dettagli del concerto


Interpreti

Khatia e Gvantsa Buniatishvili, pianoforti
 

Programma

Girard
Sonatina n. 1 per pianoforte a 4 mani

Bardanashvili
Perpetuum Mobile per 2 pianoforti

Milhaud
Scaramouche per 2 pianoforti op. 165

Rachmaninov
Fantaisie Suite n. 2 per 2 pianoforti op. 17

Gershwin
Fantasia da Porgy and Bess per 2 pianoforti (arrangiamento di Percy Grainger)

Ravel
La valse per 2 pianoforti
mercoledì 10 maggio 2017
Torino, Conservatorio Giuseppe Verdi
ore 21:00

Serie: Dispari
Genere: Pianoforte
Biglietti: 30-10 €

poltrone numerate: euro 30 
in vendita presso la biglietteria dell’Unione Musicale e online

ingressi: euro 20
ridotti fino a 21 anni: euro 10 
in vendita il giorno del concerto presso il Conservatorio dalle ore 20.30

Potrebbe piacerti anche

Nikolai Lugansky, pianofo...

Musiche di Schumann, Chopin, Rachman 
mercoledì 31 gennaio 2018

Denis Matsuev, pianoforte

Musiche di Beethoven, Cajkovskij 
domenica 11 febbraio 2018

Andrea Lucchesini, pianof...

Musiche di Schumann, Schubert 
mercoledì 14 febbraio 2018

Radu Lupu, pianoforte

Musiche di Schubert, Schumann 
mercoledì 21 marzo 2018