Isabelle Faust, violino

Musiche di Haydn, Mozart...

Tre decenni fa un gruppo di musicisti di Londra ha dato un’occhiata a questa curiosa istituzione che noi chiamiamo “orchestra” e ha deciso di ricominciare da zero. Hanno iniziato ripensando all’identità da darsi e al regolamento. Era opportuno scegliere un unico direttore? Non c’era modo. Era bene specializzarsi nel repertorio di un particolare periodo? Troppo limitante. Si doveva perfezionare un lavoro e poi andare avanti? Troppo pigro. Così è nata la Orchestra of the Age of Enlightenment.
Da allora la Orchestra of the Age of Enlightenment ha sconvolto, trasformato e affascinato il mondo della musica. Le residenze presso il Southbank Centre e Glyndebourne non hanno intorpidito la sua vocazione sperimentalista e i discografici non hanno cancellato le sue stranezze. Gli strumenti musicali di uno specifico periodo sono diventati solo un elemento della sua ricerca di autenticità.
Oggi la Orchestra of the Age of Enlightenment è amata più che mai. Osa ancora per il cambiamento e ancora si distingue per l'eccellenza, la diversità e l'esplorazione. E da quasi tre decenni non c'è ancora nessuna orchestra al mondo che le sia simile.

Dopo aver vinto i prestigiosi concorsi Leopold Mozart e Paganini in tenera età, Isabelle Faust è stata invitata a suonare con le orchestre più importanti del mondo. Il suo repertorio spazia dalle opere di Bach a compositori contemporanei quali Ligeti, Lachenmann e Widmann, sia in qualità di musicista da camera sia come solista. Per esaltare questa versatilità oltre al repertorio dei grandi concerti sinfonici per violino Isabelle Faust suona anche opere come Kafka-Fragmente di Kurtág con il soprano Christine Schäfer e i Quintetti con clarinetto di Brahms e Mozart con strumenti d’epoca.
Ha instaurato uno stretto rapporto con Claudio Abbado con cui ha inciso i Concerti per violino di Beethoven e Berg con l’Orchestra Mozart che hanno ottenuto numerosi riconoscimenti quali Diapason d’Or, Echo Klassik, Gramophone Award 2012 e il giapponese Record Academy Award. Altre incisioni sono state premiate, come le Sonate di Beethoven per pianoforte e violino con Alexander Melnikov (Diapason d’Or e Gramophone Award) e le Sonate e Partite di Bach (Diapason d’Or de l’Année).
Nel 2012 è stata insignita del premio Abbiati della critica italiana.


 

Dettagli del concerto


Interpreti

Orchestra of the Age of Enlightenment
Matthew Truscott, direttore
Isabelle Faust, violino

 

Programma

Haydn
Sinfonia in fa minore Hob. I n. 49 (La passione

Mozart
Concerto in si bemolle maggiore per violino e orchestra K. 207

C.P.E. Bach
Sinfonia n. 1 in sol maggiore Wq 182

Mozart
Concerto in la maggiore per violino e orchestra K. 219

mercoledì 19 aprile 2017
Torino, Conservatorio Giuseppe Verdi
ore 21:00

Serie: Dispari, L'altro suono
Genere: Musica antica
Biglietti: 30-10 €
 

poltrone numerate: euro 30 
in vendita presso la biglietteria dell’Unione Musicale e online

ingressi: euro 20
ridotti fino a 21 anni: euro 10 
in vendita il giorno del concerto presso il Conservatorio dalle ore 20.30

Potrebbe piacerti anche

Il pomo d’oro

Musiche di Hasse, Vivaldi 
lunedì 23 ottobre 2017

Bridelli - Ori

Musiche di Monteverdi, Frescobaldi 
lunedì 20 novembre 2017

La Compagnia del Madrigal...

Musiche di Monteverdi, Marenzio 
lunedì 8 gennaio 2018

L’AFFARE VIVALDI

Musiche di Vivaldi 
lunedì 29 gennaio 2018