mercoledì 18 gennaio 2016 – ore 21
Conservatorio Giuseppe Verdi
serie pari

Ian Bostridge / tenore
Alessio Allegrini / corno
Julius Drake / pianoforte

Robert Schumann (1810-1856)
Liederkreis op. 24

Robert Schumann
Adagio e Allegro in la bemolle maggiore per corno e pianoforte op. 70

Franz Schubert (1797-1828)
Auf dem Strom in mi maggiore per voce, corno e pianoforte op. 119 D. 943

 Franz Schubert
Lieder da Schwanengesang D. 957

Benjamin Britten (1913-1976)
The Heart of the Matter per voce, corno e pianoforte

 

Nel ricco cartellone dell’Unione Musicale si distingue per raffinatezza il concerto di mercoledì 18 gennaio 2016 (Conservatorio Giuseppe Verdi – ore 21) che ha per protagonisti un trio di fuoriclasse: il tenore Ian Bostridge, il cornista Alessio Allegrini e il pianista Julius Drake.
Interprete di culto del Lied e della musica vocale da camera, Ian Bostridge è uno dei tenori oggi più famosi in tutto il mondo. La sua intelligenza musicale, sostenuta da una profonda conoscenza del repertorio (come dimostra anche il suo ultimo saggio sul Winterreise di Schubert), il suo gusto personalissimo e una ipnotica presenza scenica rendono le sue performance un’esperienza unica.
Al suo fianco l’inseparabile pianista Julius Drake, da anni prediletto compagno artistico di Bostridge, e lo straordinario Alessio Allegrini, attuale primo corno dell’Accademia Nazionale di Santa Cecilia e in precedenza dell’Orchestra della Scala, della Luzern Festival Orchestra e dell’Orchestra Mozart (scelto da Claudio Abbado anche per l’incisione dei quattro Concerti per corno di Mozart).

Il programma è ricchissimo e prevede nella prima parte Liederkreis op. 24 di Robert Schumann, uno dei momenti più alti della liederistica romantica. Composta nel 1840, poco prima del matrimonio con Clara, la raccolta si basa su poesie di Heinrich Heine che narrano le speranze, le gioie e le sofferenze di un giovane innamorato.
Segue una selezione di Lieder dalla raccolta Schwanengesang di Franz Schubert: nostalgie, serenate, addii sono i temi dei brani eseguiti, composti nel 1828, l’ultimo anno di vita del compositore.
Grazie alla partecipazione di Allegrini potranno essere ascoltati l’Adagio e Allegro op. 70 di Schumann – unica opera nel catalogo schumanniano destinata a corno e pianoforte, scritta di getto nel 1849 mentre le strade di Dresda venivano stravolte dalle barricate – e Auf dem Storm di Schubert, pagina di raro ascolto proprio perché prevede oltre alla voce e al pianoforte la inusuale presenza del corno, che le conferisce un colore insolito e suggestivo.

Nella seconda parte del concerto verrà presentato per la prima volta a Torino The Heart of the Matter, brano composto da Benjamin Britten nel 1956 su poesie di ispirazione religiosa scritte da Edith Sitwell. L’opera si inserisce nel gruppo di lavori ispirati dal clima psicologico dovuto alla guerra (dal Peter Grimes al War Requiem) ed è considerata uno dei capolavori del compositore inglese, che rivela qui alcuni aspetti intimi della sua personale concezione religiosa, raggiungendo apici di forte commozione. La pagina alterna in modo originale parti cantate, parti recitate e brevi interludi strumentali.

poltrone numerate, euro 30
in vendita presso la biglietteria dell’Unione Musicale e online su www.unionemusicale.it

ingressi, euro 20 – ingressi giovani fino a 21 anni, euro 10
in vendita il giorno del concerto presso il Conservatorio dalle ore 20.30

BIGLIETTERIA E INFORMAZIONI:
tel. 011 566 98 11 – info@unionemusicale.itmartedì e mercoledì 12.30-17 – giovedì e venerdì 10.30-14.30

Vai alla scheda concerto

Segui l’Unione Musicale sui Social Network:

Facebook: https://www.facebook.com/unionemusicale
Twitter: https://twitter.com/unionemusicale
Instagram: https://www.instagram.com/unionemusicale/
Youtube: http://www.youtube.com/unionemusicale